Saperne di più

Per orientarsi nelle difficoltà legate all’essere donna oggi può essere utile ascoltare una conferenza, leggere un articolo, vedere un film, partecipare a un dibattito.

Depressione: Intervista a Lilia Mahjoub

depressione-intervista a Lilia Mahjoub

Intervista a Lilia Mahjoub, membro del Comitato Scientifico di Alia, sulla terapia della depressione.

Video

Cosa ne pensa della campagna di prevenzione sulla depressione? Quello che ne penso nell’immediato è che gli psicoanalisti non figurano trai primi interlocutori possibili per ricevere le persone che soffrono di depressione. Trovo molto strano sia suggerita prima la consultazione con il medico generico e solo successivamente con gli psichiatri e gli psicologi. C’è un partito preso per la medicalizzazione. Anche se in seguito il trattamento proposto è la psicoterapia, all’inizio purtroppo sono proposti soprattutto gli antidepressivi.

Quali problemi può portare questa campagna? Trovo che la difficoltà in  questo tipo di campagna sia, in primis, che le persone che vi incappano possano sentirsi tutte depresse e precipitarsi da un medico generico. La depressione diventa così una specie d’identità per tutti senza distinguere che ci sono depressioni nevrotiche, trattabili senza farmaci con il ricorso alla psicoanalisi e alla psicoterapia e poi ci sono depressioni gravi, con strutture psicotiche e in questi casi sì che non si può assolutamente escludere il ricorso al farmaco. Ogni volta si tratta di fare una diagnosi differenziale e non sono affatto sicura che, malgrado tutta l’esperienza ed il sapere che accumulano nella loro pratica, i medici generici siano i più preparati per fare questo tipo di diagnosi. Quello che constato tutti i giorni è che le persone che ricorrono alla medicina generale si trovano tutte prescritti degli antidepressivi quando in realtà sono persone diverse l’una dall’altra e diverse sono le loro depressioni.

L’assunzione del farmaco può trattare la depressione? La conseguenza dell’assunzione di un farmaco è che dove potrebbe sorgere una domanda e avviarsi una elaborazione che permetta al paziente di assumersi la responsabilità verso ciò che lamenta, lo si deresponsabilizza; si cortocircuita la sua responsabilità con una medicina, un farmaco che è una droga. Se si taglia fuori la depressione il paziente non potrà più rivolgersi a  qualcuno per parlare e ritrovare in se stesso ciò che ha perduto. Un farmaco può produrre un miglioramento, ma l’origine, la fonte della depressione è tagliata fuori, cancellata, quando invece in realtà può essere una possibilità di trasformazione, di cambiamento, una soglia di oltrepassamento per il soggetto che soffre. Con il farmaco, invece, la si elimina e per alcuni pazienti l’eliminazione della depressione può rappresentare anche qualcosa di molto grave e pericoloso.

Si fa della depressione una malattia senza sapere di cosa si tratti. Si è diventati grandi consumatori di psicotropi, di psicofarmaci, ma non penso che le cose umane possano essere risolte così, nemmeno le difficoltà della sicurezza sociale.

 

 


Benessere al femminile

• 10 Agosto 2021

Che cosa può fare da ostacolo al raggiungimento del benessere per una donna? È possibile trovare un equilibrio, che metta in armonia con se stesse e con il mondo?...

Leggi di più

Cosa vuol dire essere un’isterica?

• 2 Agosto 2021

La qualifica di isterica accompagna spesso le donne e non è mai un complimento. Oltre che un epiteto popolare, l’isteria è anche una forma di nevrosi, che ha una...

Leggi di più

Il lavoro mi sta esaurendo. Cosa posso fare?

• 20 Maggio 2020

Siamo da tempo entrati in una fase avanzata dell’organizzazione del lavoro in cui i gruppi di lavoro sono sottoposti a una pressione che a volte diventa insopportabile.  Lo smart...

Leggi di più

Solitudine e COVID19

• 8 Maggio 2020

Uno dei disagi che si è accentuato  in questo periodo è quello del senso di solitudine. Nell’isolamento forzato di questi mesi, molte hanno fatto esperienza di un primo momento...

Leggi di più

Anziani e chiusi in casa

• 6 Maggio 2020

In Italia c’è un gran numero di donne e uomini anziani chiusi in casa che vivono da soli e che con la quarantena stanno attraversando un momento molto difficile....

Leggi di più

La solitudine positiva

• 11 Aprile 2020

*Una persona può trovarsi relegata in solitudine e non essere capace di stare sola. Allora soffre e soffre tanto. Ma esiste anche quella che chiamiamo solitudine positiva. Molte persone...

Leggi di più