Saperne di più

Per orientarsi nelle difficoltà legate all’essere donna oggi può essere utile ascoltare una conferenza, leggere un articolo, vedere un film, partecipare a un dibattito.

D: Come faccio a stare tranquilla se mio figlio è preoccupato?

• 26 Ottobre 2017 ,
R:

Una madre può venir presa dall’ansia e dalla preoccupazione di trovare sempre una soluzione ai problemi del figlio per evitargli di soffrire; quando poi le soluzioni sono inefficaci o irrealizzabili, come solitamente accade, la fanno  precipitare nel sentimento di inadeguatezza per non essere riuscita ad evitare al proprio figlio l’incontro con l’infelicità e la frustrazione. Una colpa che riverbera il timore, più o meno intenso, di averlo così danneggiato. L’intento delle cure materne si intreccia con una radicata ricettività, una costante attenzione a cogliere ogni sfumatura che attraversi l’umore del figlio: si sente insicuro? Ha paura? E’spaventato? E’ un ragazzo/a fragile? Così la madre vive sull’orlo del timore di cogliere nel proprio figlio quelle stesse fragilità o sofferenze che le sono fin troppo familiari. Vive la paura costante e silenziosa, che non emerge alla coscienza in modo chiaro, di rivedere con orrore riflessi nel figlio/a i propri sentimenti di smarrimento, inadeguatezza, abbandono.

Non tutte le madri possono trovare nel proprio partner un interlocutore capace di capire di che si tratta fino in fondo. E così si ritrovano sole e impotenti. Piano piano diventano madri ostaggio dell’angoscia.

Abbiamo creato un’area  Maternità proprio per dare una voce a quanto di estraneo e disarmante una madre può incontrare nel rapporto con un figlio. Per godersi l’essere madre fino in fondo bisogna andare oltre i luoghi comuni che fanno appello ad un istinto materno che direbbe sempre qual è la cosa giusta da fare, ad una inclinazione che si attiverebbe automaticamente nell’incontro con un figlio e che colpevolizza chi non la vive così.

Le cose infatti sono un po’ più complicate ed ogni donna è custode di una singolarità irripetibile quando fa il proprio incontro con la maternità. Non tutte sono uguali nell’attraversare un’esperienza di vita che scuote il proprio essere e che convoca, spesso nell’urgenza, a trovare risposte all’incontro con un altro essere. Come occupare questo posto? Come abitarlo con agio, come viverlo? Sempre in agguato ci sono il senso di colpa, il non sentirsi all’altezza, il timore di danneggiare, di sbagliare, di essere una madre orribile, sbagliata. Parliamone senza giudizi.

 

 

 


Cosa vuol dire essere un’isterica?

• 2 Agosto 2021

La qualifica di isterica accompagna spesso le donne e non è mai un complimento. Oltre che un epiteto popolare, l’isteria è anche una forma di nevrosi, che ha una...

Leggi di più

Il lavoro mi sta esaurendo. Cosa posso fare?

• 20 Maggio 2020

Siamo da tempo entrati in una fase avanzata dell’organizzazione del lavoro in cui i gruppi di lavoro sono sottoposti a una pressione che a volte diventa insopportabile.  Lo smart...

Leggi di più

Fobia sociale. Ho paura a uscire di casa

• 14 Maggio 2020

La fase decrescente dell’epidemia crea problemi. C’è chi ha paura a uscire di casa. Molte persone si sono abituate a stare in casa e uscire non è più una...

Leggi di più

La solitudine positiva

• 11 Aprile 2020

*Una persona può trovarsi relegata in solitudine e non essere capace di stare sola. Allora soffre e soffre tanto. Ma esiste anche quella che chiamiamo solitudine positiva. Molte persone...

Leggi di più

Chiusi in casa. Depressione da reclusione?

• 4 Aprile 2020

Non tutti stanno peggio passando tutto il tempo chiusi in casa, ma la maggior parte della popolazione si. Anche senza l’obbligo di quarantena per essere stati a contatto con...

Leggi di più

Come si svolgono le consulenze con lo psicologo on line?

• 1 Aprile 2020

Sebbene sia molto importante privilegiare l’incontro di persona tra paziente e terapeuta ogni volta che sia possibile farlo, esistono dei casi particolari che ci obbligano a trovare anche soluzioni...

Leggi di più