Saperne di più

Per orientarsi nelle difficoltà legate all’essere donna oggi può essere utile ascoltare una conferenza, leggere un articolo, vedere un film, partecipare a un dibattito.

D: Arrivano le vacanze e sono sola. Mi sento ancora più isolata, la solitudine diventa insopportabile. Invidio tutti gli altri ma non riesco a uscirne.

R:

R: Chiamiamola pure sindrome delle vacanze. E’ un incremento dell’ ansia che si verifica quando  si avvicinano il Natale o le vacanze estive, quando tutti partono. La sensazione è quella di sentirsi profondamente sole e isolate.

 Ma isolamento e solitudine non sono la stessa cosa. Ci si sente isolate quando viene meno una relazione autentica con gli altri, per esempio ci si può sentire isolate quando si ha la tendenza a tenere gli altri  fuori dalla propria vita, ma anche quando – pur essendo in mezzo agli altri – ci si trova si a dialogare solo con se stesse. In una situazione di isolamento la solitudine diventa una grande sofferenza. Ma la solitudine è una condizione preliminare per avere una relazione autentica con gli altri. Per intrattenere una relazione profonda con qualcun altro bisogna prima stare bene con se stesse ed essere arrivate a vivere con serenità la solitudine. Si nasce e si muore da soli: è la nostra esistenza umana che ci fa incontrare la solitudine. Quando si vive male la  solitudine vuol dire che non si è veramente sole, ma tormentate da una cattiva compagna – l’angoscia – o da cattivi pensieri e cattivi fantasmi. La vera solitudine la si raggiunge separandosi da una modalità di godimento morbosa, che sia incarnata dall’angoscia, dai fantasmi personali, dal lavoro, dal cibo, dalle sostanze tossiche o  dai genitori. La solitudine vuol dire allora che si è raggiungiunto un modo per trattare con successo un godimento disturbante e mortifero.

Ci si può chiedere perché le donne si isolano. Ci sono tante risposte a questa domanda. La prima è certamente la paura dell’abbandono. E’ frequente che una donna scelga – più o meno consapevolmente – di non avere un compagno per non dover fare i conti con il dolore causato da una possibile separazione. L’uomo fa paura perché potrebbe andarsene, potrebbe sparire. Le abitudini, i rituali, anche i sintomi – per quanto fastidiosi – sono rassicuranti, perché non possono tradire né andarsene.

La terapia in Alia serve a condurre una donna ad entrare in relazione con la parte oscura di stessa per aiutarla a costruire una nuova solitudine, quella buona, a partire dalla quale può avere un incontro profondo e soddisfacente con gli altri.


Cosa vuol dire essere un’isterica?

• 2 Agosto 2021

La qualifica di isterica accompagna spesso le donne e non è mai un complimento. Oltre che un epiteto popolare, l’isteria è anche una forma di nevrosi, che ha una...

Leggi di più

Perchè questo senso di vuoto, solitudine e disperazione?

• 11 Luglio 2021

Psicologia della solitudine L’animo femminile è più dolorosamente ricettivo al sentimento della solitudine. È frequente per le donne sentirsi sole, come attraversate da un sentimento di esilio, di lontananza....

Leggi di più

Il lavoro mi sta esaurendo. Cosa posso fare?

• 20 Maggio 2020

Siamo da tempo entrati in una fase avanzata dell’organizzazione del lavoro in cui i gruppi di lavoro sono sottoposti a una pressione che a volte diventa insopportabile.  Lo smart...

Leggi di più

Fobia sociale. Ho paura a uscire di casa

• 14 Maggio 2020

La fase decrescente dell’epidemia crea problemi. C’è chi ha paura a uscire di casa. Molte persone si sono abituate a stare in casa e uscire non è più una...

Leggi di più

La solitudine positiva

• 11 Aprile 2020

*Una persona può trovarsi relegata in solitudine e non essere capace di stare sola. Allora soffre e soffre tanto. Ma esiste anche quella che chiamiamo solitudine positiva. Molte persone...

Leggi di più

Chiusi in casa. Depressione da reclusione?

• 4 Aprile 2020

Non tutti stanno peggio passando tutto il tempo chiusi in casa, ma la maggior parte della popolazione si. Anche senza l’obbligo di quarantena per essere stati a contatto con...

Leggi di più