Saperne di più

Per orientarsi nelle dicoltà legate all’essere donna oggi può essere utile ascoltare una conferenza, leggere un articolo, vedere un film, partecipare a un dibattito.

Senso di vuoto, solitudine e disperazione – Psicologia della solitudine

• 12 Settembre 2014 ,

L’animo femminile è più dolorosamente ricettivo al sentimento della solitudine. È frequente per le donne sentirsi sole, come attraversate da un sentimento di esilio, di lontananza. Da cosa? “Dal sentirsi complete” per esempio; oppure “ dal bastare a stesse”. La solitudine fa emergere un’inconsistenza tutta femminile che prende il senso di un’assenza di valore.

Oggi molte donne testimoniano una certa dimestichezza nella vita, anche nella vita erotica separata dall’amore, hanno acquisito disinvoltura nel passare all’azione con gli uomini. Si sforzano di far circolare quel che hanno capito sull’approccio sessuale, cercano di condividerlo con le altre: blog, forum, carta stampata, trasmissioni televisive. Eppure, nonostante questa possibilità di acquisire un know how sull’approccio seduttivo con l’altro sesso poi nel loro privato rimane un resto: un senso di solitudine, un partner oscuro ed incancellabile: il vuoto. Perchè?

La strategia dell’avere… soldi, successo, corpi modellati, uomini, oggetti, figli, nell’universo femminile non funziona. Non per tutte. Le donne che riceviamo in Alia vengono a parlare di quel resto oscuro che le rende inquiete, che non le fa sentire al sicuro ma piuttosto sempre incerte, sospese nonostante i riconoscimenti. Forse la rivoluzione non ha raggiunto tutte? Si tratta di un conflitto generazionale tra un vecchio modello e una donna più moderna, padrona della sua vita? Non è una questione di epoca, non è neanche una questione morale. E’ che le donne non sono uomini e la solitudine è una faccenda che tocca profondamente  l’essere femminile.

Quando le donne si mettono a parlare della loro vita e delle loro scelte in un contesto in cui risuona solo il loro discorso, ad ognuna il suo, scoprono l’esigenza di consistenza, il bisogno di un ancoraggio solido nel legame con gli altri. Da questa mancanza sgorgano sconforto estremo, depressione, ansia, angoscia, rabbia, senso di vuoto.

Contrariamente a quel che sembra questo si rivela sempre un momento molto fecondo. Accogliamo le sofferenze per la solitudine come dei segnali che una donna è presa nella ricerca del proprio essere. C’è qualcosa che è stato messo a tacere, magari sepolto da un continuo passare all’azione e ha finito per parassitare la quotidianità.

Le sofferenze per la solitudine sono il modo in cu fa eco una rinuncia, e il patimento che questa comporta. La strategia dell’avere, di gestire la vita come fosse un mercato, può essere peggio di un partner devastante, è una macchina che stordisce e distrae dall’inventarsi una propria particolarità, quella particolarità che ad ogni know how collettivo fa eccezione. Quando un resto rimane oscuro, si fa sentire nella sensazione che qualcosa manca, che le cose non sono al loro posto. Le solitudini non sono mali incurabili ma occasioni per iniziare il proprio viaggio nell’enigma dell’esistere come donne.


Separarsi

• 15 Luglio 2018

Riuscire a separarsi Riuscire a separarsi da qualcuno che amiamo molto può rendersi necessario. Per esempio quando il partner non vuole proseguire la relazione. Per esempio quando ci si...

Bulimia – Il buco dentro

• 7 Aprile 2018

La bulimia nervosa è comunemente classificata come un disturbo del comportamento alimentare (DCA), i cui sintomi sono un’alternanza tra abbuffate di cibo e condotte di evacuazione, come il vomito...

Anoressia – L’immagine Padrona

• 31 Marzo 2018

Thinspiration è una nuova definizione che circola nel web. Valorizza uno stile di vita centrato sull’aspirarazione alla magrezza: come dimagrire per avere un corpo magro, quindi perfetto. Thinspiration è...

Letture della differenza sessuale

• 14 Luglio 2017

E’’ in libreria: “Letture della differenza sessuale di H. Cixous e J. Derrida, artsstusiopaparo, Napoli 2016   Si tratta di leggere. Della necessità di produrre letture della differenza sessuale,...

Psicofarmaci nella terza età

• 31 Dicembre 2015

Psicofarmaci dopo i 65 anni. Attenzione!!! Con l’età cambia la risposta dell’organismo ai farmaci. Dopo i 65 anni il corpo si modifica, diventa più vulnerabile alle malattie e anche...

Madri che soffrono. Il bambino cristallizza i loro tormenti

• 9 Settembre 2015

Philippe De Georges, Mères douloureuses. L’enfant cristallise leurs tourments, di , Ed. Navarin, Le Champ freudien, 2014 Alle Madri che soffrono è dedicato questo bel libro di un noto...