Saperne di più

Per orientarsi nelle difficoltà legate all’essere donna oggi può essere utile ascoltare una conferenza, leggere un articolo, vedere un film, partecipare a un dibattito.

D: Ricevo molestie sessuali sul lavoro. Quale aiuto offrite?

• 18 Giugno 2015 , ,
R:

Nelle molestie sessuali sul lavoro accade qualcosa per cui una donna incontra un’esperienza degradante e umiliante. Tutto il valore della propria professionalità cede il passo, si annulla, di fronte al feticcio corporeo che il soggetto diventa per l’altro. Una donna passa dall’essere apprezzata per le proprie doti di soggetto al sentirsi oggetto di un desiderio dalle esplicite connotazioni sessuali, per poi arrivare ad un ulteriore passaggio nel quale si consuma l’avvilimento, quando si percepisce come quell’oggetto attraverso il quale il capo vuole procurarsi un godimento personale, con un effetto di totale oggettificazione e svalutazione.

 

In questo processo, come in ogni abuso, fa spesso capolino la vergogna. La vergogna ha spesso a che fare con il fatto che la vittima vede reso pubblico qualcosa di una condizione con cui generalmente ha a che fare da molto tempo prima delle vicende di mobbing, che è presente nel suo intimo e con cui magari inconsciamente collabora. Il senso di vergogna è un appello al ritorno del velo del pudore, che tolga dalla scena del mondo ciò che deve restare nascosto, anche a se stessa.

 

Una psicoterapia può trattare – nell’intimità – il rapporto inconscio di una donna con la femminilità, con la sessualità, con la condizione di vittima, con la vergogna e permetterle di rialzarsi con fierezza dalle sue ceneri e dire di nuovo sì alla vita. Una psicoterapia può essere il sostegno senza il quale non ci si riesce a separare dal luogo delle molestie e non si riesce a difendere i propri diritti. Un supporto farmacologico può aiutare a sopportare l’ansia che si scatena nei momenti più acuti. In Alia si trova tutto questo e anche eventuali indicazioni per un aiuto legale.

Parliamone…

 


Cosa vuol dire essere un’isterica?

• 2 Agosto 2021

La qualifica di isterica accompagna spesso le donne e non è mai un complimento. Oltre che un epiteto popolare, l’isteria è anche una forma di nevrosi, che ha una...

Leggi di più

Arrivano le vacanze e sono sola. Mi sento ancora più isolata, la solitudine diventa insopportabile. Invidio tutti gli altri ma non riesco a uscirne.

• 18 Luglio 2021

R: Chiamiamola pure sindrome delle vacanze. E’ un incremento dell’ ansia che si verifica quando  si avvicinano il Natale o le vacanze estive, quando tutti partono. La sensazione è...

Leggi di più

Perchè questo senso di vuoto, solitudine e disperazione?

• 11 Luglio 2021

Psicologia della solitudine L’animo femminile è più dolorosamente ricettivo al sentimento della solitudine. È frequente per le donne sentirsi sole, come attraversate da un sentimento di esilio, di lontananza....

Leggi di più

Il lavoro mi sta esaurendo. Cosa posso fare?

• 20 Maggio 2020

Siamo da tempo entrati in una fase avanzata dell’organizzazione del lavoro in cui i gruppi di lavoro sono sottoposti a una pressione che a volte diventa insopportabile.  Lo smart...

Leggi di più

Fobia sociale. Ho paura a uscire di casa

• 14 Maggio 2020

La fase decrescente dell’epidemia crea problemi. C’è chi ha paura a uscire di casa. Molte persone si sono abituate a stare in casa e uscire non è più una...

Leggi di più

La solitudine positiva

• 11 Aprile 2020

*Una persona può trovarsi relegata in solitudine e non essere capace di stare sola. Allora soffre e soffre tanto. Ma esiste anche quella che chiamiamo solitudine positiva. Molte persone...

Leggi di più