Saperne di più

Per orientarsi nelle difficoltà legate all’essere donna oggi può essere utile ascoltare una conferenza, leggere un articolo, vedere un film, partecipare a un dibattito.

Psicofarmaci nella terza età

• 31 Dicembre 2015 ,

Psicofarmaci dopo i 65 anni. Attenzione!!!

Con l’età cambia la risposta dell’organismo ai farmaci.

Dopo i 65 anni il corpo si modifica, diventa più vulnerabile alle malattie e anche più sensibile all’effetto delle terapie farmacologiche. Verso la terza età spesso aumentano i farmaci che si assumono quotidianamente e anche questa maggiore esposizione a più molecole incrementa la possibilità di avere effetti collaterali.

Per quanto riguarda gli psicofarmaci nella terza età, dunque arrivate ai 65 anni,  è importante riconsiderare i tre aspetti seguenti:

– Va prestata molta attenzione alle interazioni dei farmaci tra loro e all’effetto che alcune terapie possono esercitare sulle funzioni cognitive. A quest’età infatti il fisiologico mutamento delle connessioni cerebrali rende molto vulnerabili ai farmaci che agiscono sul cervello e possono avere effetti negativi sulla memoria, sul ragionamento e sulle capacità cognitive.

– Le dosi degli psicofarmaci vanno riviste e tendenzialmente vanno ridotte perchè sono efficaci a dosi più basse.

– I farmaci che abitualmente si prendono per curare l’insonnia e l’ansia – farmaci che magari si prendono da molto tempo e senza più controllo medico – non sono adatti dopo i 65 anni perché dopo questa età causano sedazione, rallentamento, perdita di memoria e di concentrazione, giramenti di testa con possibilità di cadute.

Attenzione dunque! In caso di assunzione di farmaci ansiolitici benzodiazepinici come il Tavor, l’En, il Minias, lo Xanax e il Lexotan o altri farmaci simili, dopo i 65 anni di età è importante  contattare Alia e parlare con una psichiatra per valutare come adattare la terapie alle nuove esigenze di un corpo che richiede particolari attenzioni.


Benessere al femminile

• 10 Agosto 2021

Che cosa può fare da ostacolo al raggiungimento del benessere per una donna? È possibile trovare un equilibrio, che metta in armonia con se stesse e con il mondo?...

Leggi di più

Cosa vuol dire essere un’isterica?

• 2 Agosto 2021

La qualifica di isterica accompagna spesso le donne e non è mai un complimento. Oltre che un epiteto popolare, l’isteria è anche una forma di nevrosi, che ha una...

Leggi di più

Il lavoro mi sta esaurendo. Cosa posso fare?

• 20 Maggio 2020

Siamo da tempo entrati in una fase avanzata dell’organizzazione del lavoro in cui i gruppi di lavoro sono sottoposti a una pressione che a volte diventa insopportabile.  Lo smart...

Leggi di più

Solitudine e COVID19

• 8 Maggio 2020

Uno dei disagi che si è accentuato  in questo periodo è quello del senso di solitudine. Nell’isolamento forzato di questi mesi, molte hanno fatto esperienza di un primo momento...

Leggi di più

La solitudine positiva

• 11 Aprile 2020

*Una persona può trovarsi relegata in solitudine e non essere capace di stare sola. Allora soffre e soffre tanto. Ma esiste anche quella che chiamiamo solitudine positiva. Molte persone...

Leggi di più

Quando la quarantena ha anche aspetti piacevoli.

• 4 Aprile 2020

Abbiamo sentito tutti in televisione le raccomandazioni sul restare a casa per evitare un’ulteriore diffusione del contagio da Coronavirus. Sappiamo che per molte persone la quarantena e l’isolamento sono...

Leggi di più