Saperne di più

Per orientarsi nelle dicoltà legate all’essere donna oggi può essere utile ascoltare una conferenza, leggere un articolo, vedere un film, partecipare a un dibattito.

D: Cos’è un esaurimento nervoso ?

R:

ESAURIMENTO NERVOSO è una diagnosi caduta in disuso, eppure era molto utile per dare un nome a un fenomeno frequente.

Ci sono persone particolarmente predisposte a dei crolli nervosi alle quali capita di andare incontro a un esaurimento nervoso anche più di una volta.

Sono persone che se la cavano bene quando la vita scorre normalmente sui suoi binari. Ma che possono esaurirsi quando si sottopongono a uno sforzo prolungato e ripetuto per far fronte a una situazione che destabilizza il loro equilibrio.  Accade di solito che esse incontrano qualche evento che la loro psiche individua come trauma.

Può essere un evento che agli occhi degli altri non appare come catastrofico e magari neanche agli occhi del soggetto. Tuttavia porta uno scombussolamento del programma esistenziale e per farvi fronte il soggetto comincia a dar fondo alle proprie energie psichiche.

Se la situazione non si risolve e il soggetto non trova un modo di ritrovare il suo posto nella nuova situazione allora comincia l’usura delle energie. Lo sforzo diventa continuo e cumulativo fino a che il soggetto non ce la fa più e crolla.

Insonnia, pianto, depressione, spaesamento, senso di irrealtà, non sentirsi più se stessi, perdita della voglia di vivere, prospettive buie e un futuro nero marcano l’orizzonte.

Gli eventi traumatici possono essere di qualsiasi tipo: per esempio la data della pensione che slitta in avanti e scombina tutti i piani, un incidente del coniuge, la morte di un familiare, un nuovo posto di lavoro che richiede troppo impegno.

Ma anche eventi rubricati come lieti possono essere altrettanto traumatici, il soggetto avverte solo un effetto perturbante, ma in realtà ha perso le sue coordinate. Per esempio: l’uscita di casa di un figlio, la nascita di un nipote, un cambio di casa possono essere molto più impegnativi di quanto superficialmente si crede e possono produrre l’inizio di uno squilibrio.

Potete immaginare ciascuno di questi eventi come una pallina di neve che si mette in moto. Se incontra sul terreno altra neve diventerà sempre più grossa, sino a diventare pesantissima e schiacciarci sotto il suo peso: ecco l’esaurimento nervoso.

Per uscirne non è il caso di lasciar fare al recupero spontaneo, perché rischia di richiedere un tempo infinito durante il quale si assiste a un ulteriore peggioramento. Un consulto con uno specialista è necessario per invertire la rotta e avviare alla risoluzione della crisi.


Perchè questo senso di vuoto, solitudine e disperazione?

• 1 Giugno 2019

Psicologia della solitudine L’animo femminile è più dolorosamente ricettivo al sentimento della solitudine. È frequente per le donne sentirsi sole, come attraversate da un sentimento di esilio, di lontananza....

Leggi di più

Ansia scolastica dei bambini. Che consigli avete?

• 19 Dicembre 2018

È un problema frequente e può avere diverse origini. Ora diciamo qualcosa solo su una di quelle possibili, che ha il vantaggio di essere facilmente risolvibile dalla madre, senza...

Leggi di più

Si può superare un tradimento?

• 22 Agosto 2018

L’investimento che una donna arriva a fare nell’amore può raggiungere una consistenza granitica, senza incertezze: è l’uomo della mia vita, lo amo, sarà per sempre. Per una donna l’incontro...

Leggi di più

Come faccio a stare tranquilla se mio figlio è preoccupato?

• 26 Ottobre 2017

Una madre può venir presa dall’ansia e dalla preoccupazione di trovare sempre una soluzione ai problemi del figlio per evitargli di soffrire; quando poi le soluzioni sono inefficaci o...

Leggi di più

Sono diventata una madre sempre sull’orlo della rabbia…

• 26 Ottobre 2017

  Trovarsi a essere madre può obbligare a confrontarsi con scenari familiari molto distanti dall’ideale che, più o meno consapevolmente, si era coltivato. L’incontro con un figlio/a si rinnova...

Leggi di più

Sono depressa? Cos’è la depressione?

• 15 Settembre 2017

“Non sarò depressa?”. E’ sorprendente quante volte una donna si ponga questa domanda. In generale, le donne, più degli uomini si interrogano su loro stesse: valutano la loro loro...

Leggi di più