Saperne di più

Per orientarsi nelle dicoltà legate all’essere donna oggi può essere utile ascoltare una conferenza, leggere un articolo, vedere un film, partecipare a un dibattito.

D: Sono depressa? Cos’è la depressione?

• 15 settembre 2017 ,
R:

“Non sarò depressa?”. E’ sorprendente quante volte una donna si ponga questa domanda.

In generale, le donne, più degli uomini si interrogano su loro stesse: valutano la loro loro vita, l’amore,  e in che rapporto sono con la felicità e la soddisfazione. Domandandosi se siano depresse, il più delle volte si rispondono: “penso di si, forse lo sono”. La certezza che accompagna gli uomini – si/no, on/off – nel genere femminile si diluisce e perde i suoi confini netti. Perciò serve introdurre una importante distinzione tra due umori familiari all’animo femminile:  tristezza e  depressione.  Sono due modi differenti di avere a che fare con l’essere donna alle voci: amore, desiderio, corpo. Difficile che non ci sia un po’ di tristezza, ma non necessariamente si tratta di depressione. A meno che la tristezza non sia persistente, profonda e gratuita, cioè sproporzionata rispetto alla reale situzione esistenziale. Allora sì che si può parlare di depressione.

Nella vita normale l’essere desiderata, attesa da un uomo, è importante per non sentirsi triste. questo vale anche se razionalmente non si vorrebbe dare all’amore tutta questa importanza. L’incontro con un uomo in genere contiene l’attesa principale per una donna, l’attesa di trovare qualcuno che le dia un valore e la conduca, senza troppi danni e drammi, all’appuntamento con l’amore, il corpo e il godimento. Purtroppo questo incontro non è mai né certo né assicurato.

La tristezza è la forme che prende – quando non è risolta – la convivenza con l’intima consapevolezza di non raggiungere mai la garanzia dell’amore. L’incontro giusto può mancare, il riconoscimento può non arrivare e l’essere femminile può allora rimanere sospeso, incompleto, esposto al sentimento della tristezza, come un senso di smarrimento, di attesa, a volte di paura di precipitare nel vuoto e di non riuscire ad andare avanti.

Quando non passa oltre, subentra la depressione, che è il rovescio della tristezza. La depressione è l’obiezione che una donna può fare dentro di sè ad accondiscendere alla dialettica imprevedibile del desiderio.  E’ il rifiuto di accettare che manca una garanzia che orchestri e  assicuri un incontro riuscito con l’ altro e il suo sguardo.

Spinta da questo rifiuto una donna può ingaggiarsi nella ricerca spasmodica di una immagine perfetta o nella costruzione di un Io Ideale che le dia consistenza, spessore, presenza nel mondo. Ma ahinoi, quante più energie una spende per cercare di avvicinarsi alla sua perfezione, quanto più si impegna per reazlizzarlo nel lavoro o nella vita sociale e tanto più ne sperimenta il fallimento. Perché l’ideale, come dice la parola stessa, non è reale, è un miraggio che non si può mai afferare ma solo sfiorare. Nel momento in cui il miraggio sfugge dalle mani e ci ritrova a tu per tu con se stesse, la ricaduta è rovinosa: disperazione, disprezzo per la propria persona, senso d’inutilità, di vuoto, d’indegnità, certezza di essere rifiutatachiusa fuori dal mondo… buttata via… usata.

La depressione può essere un baratro che succhia energie e fa vedere davanti a sè una notte eterna. La speranza scompare dall’orizzonte. Non si crede più nella possibilità di un imprevisto, nel cambiamento, nell’incontro fortunato.

Ci sono tante ragioni che possono portare alla depressione, nelle nostre conferenze cerchiamo di parlare di tutte, un pò per volta.


Cos’è un esaurimento nervoso ?

• 15 luglio 2018

ESAURIMENTO NERVOSO è una diagnosi caduta in disuso, eppure era molto utile per dare un nome a un fenomeno frequente. Ci sono persone particolarmente predisposte a dei crolli nervosi...

Ansia scolastica dei bambini. Che consigli avete?

• 29 dicembre 2017

È un problema frequente e può avere diverse origini. Noi qui ci soffermiamo solo su una di quelle possibili. Scegliamo questa perché è facilmente risolvibile dalla madre, senza bisogno...

Come faccio a stare tranquilla se mio figlio è preoccupato?

• 26 ottobre 2017

Una madre può venir presa dall’ansia e dalla preoccupazione di trovare sempre una soluzione ai problemi del figlio per evitargli di soffrire; quando poi le soluzioni sono inefficaci o...

Sono diventata una madre sempre sull’orlo della rabbia…

• 26 ottobre 2017

  Trovarsi a essere madre può obbligare a confrontarsi con scenari familiari molto distanti dall’ideale che, più o meno consapevolmente, si era coltivato. L’incontro con un figlio/a si rinnova...

Sempre solo relazioni sbagliate! Come si fa con l’amore?

• 23 luglio 2017

Sono numerose le donne che si rivolgono ad Alia perchè malate d’amore – tanto che abbiamo creato un’area specifica. Cercano formule e soluzioni che facciano da bussola per orientarsi...

Ho un partner narcisista. Aiuto!

• 21 luglio 2017

Quando l’amore logora Ci sono relazioni amorose in cui l’attesa diventa un buco nero che aspira tutta la vita. Un’attesa logorante, che sfinisce, toglie energie, svuota, porta all’esasperazione fa...