Saperne di più

Per orientarsi nelle difficoltà legate all’essere donna oggi può essere utile ascoltare una conferenza, leggere un articolo, vedere un film, partecipare a un dibattito.

D: Sofferenza al lavoro

• 20 Agosto 2019 ,
R:

Siamo da tempo entrati in una fase avanzata dell’organizzazione del lavoro in cui i gruppi di lavoro sono sottoposti a una pressione insopportabile.

Con il fine di  produrre sempre più al minor costo possibile la competizione nei team sfocia sempre più spesso nella sopraffazione e nell’aggressione diretta. Il carico di lavoro si ingigantisce e si mangia la vita privata. La sofferenza al lavoro è sempre più pesante.

Gli imperativi di “essere flessibili” e “adattabili” impediscono di reagire spontaneamente in difesa della propria dignità e professionalità. Il sapere acquisito con lo studio e l’esperienza, che dovrebbe assicurare al professionista il suo posto nel legame sociale, viene messo in secondo piano.

Nella nostra epoca ultra-liberista i luoghi di lavoro stanno diventando luoghi barbari, provocano delle devastazioni tali che fanno perdere il gusto di lavorare.

I metodi di rieducazione della psicologia del lavoro e il coaching aziendale si rivelano sempre più deleteri per la salute psichica dei lavoratori che sono costretti a parteciparvi. Gli ideali di affermazione di se’ e di leadership che sono alla base di questi interventi riducono i soggetti a un’immagine di prestanza gestionale che favorisce ancor più il confronto aggressivo senza che la valorizzazione delle diversità sia in grado di temperarlo.

A che serve rivolgersi ad Alia?

Un ricorso alla terapia ha permesso a certune di dissociare i due versanti della loro sofferenza:

  • quello che viene da un ambiente di lavoro in cui non possono più investire il loro desiderio
  • e quello che viene da qualcosa di insopportabile assolutamente intimo e personale, che si ingrandito a contatto con quella situazione lavorativa e contro cui non riescono più a difendersi.

Il trattamento permette al soggetto di chiarire quali sono gli elementi che danno alla situazione patogena una dimensione tragica insuperabile, mettendolo nell’incapacità di giocare d’astuzia con l’insopportabile.

Questo ha per effetto un rilancio del desiderio che consente di mantenere il proprio riconoscimento sociale e professionale. La sofferenza al lavoro diviene un ricordo sbiadito e rimane solo la domanda incredula: ma come ho potuto stare in quella situazione?

Le nostre conferenze sul disagio al lavoro sono un primo approdo per capirne di più.


Non voglio più uscire di casa. Ho paura

• 14 Maggio 2020

La fase due dell’epidemia crea problemi. C’è chi ha paura a uscire di casa. Molte persone si sono abituate a stare in casa e uscire non è più una...

Leggi di più

Chiusi in casa. Depressione da reclusione?

• 4 Aprile 2020

Non tutti stanno peggio passando tutto il tempo chiusi in casa, ma la maggior parte della popolazione si. Anche senza l’obbligo di quarantena per essere stati a contatto con...

Leggi di più

Come si svolgono le consulenze con lo psicologo on line?

• 1 Aprile 2020

Sebbene sia molto importante privilegiare l’incontro di persona tra paziente e terapeuta ogni volta che sia possibile farlo, esistono dei casi particolari che ci obbligano a trovare anche soluzioni...

Leggi di più

Quali sono i sintomi fisici dell’ansia?

• 29 Marzo 2020

I sintomi che caratterizzano l’ansia possono essere molti e riguardare tanto la sfera mentale, quanto il corpo. Dal punto di vista dei sintomi fisici possono comparire diversi tipi di...

Leggi di più

Ottimismo e pessimismo

• 30 Dicembre 2019

OTTIMISMO E PESSIMISMO Tutti sappiamo che ci sono persone che tendono a vedere la vita tingendola di rosa e persone che tra le conseguenze prevedibili di un’azione si attendono...

Leggi di più

Psicoanalista, psicoterapeuta, psicologo, psichiatra, neurologo: quale differenza c’è?

• 10 Dicembre 2019

  C’è una enorme differenza. Quando si sceglie un dottore per  problemi legati alla sofferenza psichica raramente si presta attenzione al titolo e alla qualifica, si va da qualcuno...

Leggi di più