Saperne di più

Per orientarsi nelle difficoltà legate all’essere donna oggi può essere utile ascoltare una conferenza, leggere un articolo, vedere un film, partecipare a un dibattito.

D: Vorrei sapere che cos’è il mobbing, perché non so se sono vittima di mobbing.

R:

Il termine mobbing deriva dall’etologia, è stato usato per la prima volta da Konrad Lorenz ed indica atti finalizzati all’esclusione di un animale dal gruppo. Generalmente ciò comporta la morte dell’espulso.

Il termine è stato poi usato in ambito psicologico per indicare comportamenti aggressivi, vessatori e persecutori, attuati nell’ambito lavorativo, sistematicamente verso una o più persone.

 In generale gli elementi che vengono ritenuti essenziali perché si possa parlare di mobbing sono una durata di minimo sei mesi in cui si siano verificati una pluralità di atti (non è quindi sufficiente una singola azione vessatoria), una precisa volontà di esclusione o emarginazione e la presenza di una lesione che essa sia fisica o morale o professionale. Sono tutti elementi che hanno anche rilievo giuridico almeno nella recente giurisprudenza.

Alcuni studiosi hanno isolato diverse fasi del mobbing. Heinz Leymann parla di 4 fasi: conflitto quotidiano, maturazione del conflitto, errori e abusi anche non legati all’amministrazione del personale, esclusione dal mondo del lavoro.

 Per la vittima di mobbing vi sono conseguenze diverse. Spesso il quadro sintomatologico coincide con quello della sindrome post-traumatica da stress oppure con il disturbo dell’adattamento o ancora con la sindrome da burnout o con un disturbo d’ansia generalizzato. In generale è facile che si presentino dei problemi legati alla somatizzazione del disagio, problemi di memoria, cefalee, stati depressivi, disturbi del sonno, stati di esaurimento, disturbi generali del sistema neuro-vegetativo che possono comportare disturbi circolatori, tachicardia, dolori di stomaco, dolori al fegato, nausea, inappetenza, tremori, fino alla configurazione di vere e proprie patologie.

 Quindi alla domanda se si è vittima di mobbing è generalmente più facile rispondere quando si è già raggiunto uno stadio abbastanza avanzato del processo. Però è importante trattare il disagio lavorativo anche quando non si sia configurata una situazione di mobbing conclamato e cioè a partire da quelle che si presentano come situazioni conflittuali, di stress da lavoro, e  che se vengono trascurate potrebbero rivelarsi a posteriori i primi stadi del mobbing. Il mobbing ha sempre due poli, uno è costituito dai colleghi e l’altro dalla persona che sta male. Con il secondo è sempre possibile lavorare per disinnescare la miccia.


Cosa vuol dire essere un’isterica?

• 2 Agosto 2021

La qualifica di isterica accompagna spesso le donne e non è mai un complimento. Oltre che un epiteto popolare, l’isteria è anche una forma di nevrosi, che ha una...

Leggi di più

Arrivano le vacanze e sono sola. Mi sento ancora più isolata, la solitudine diventa insopportabile. Invidio tutti gli altri ma non riesco a uscirne.

• 18 Luglio 2021

R: Chiamiamola pure sindrome delle vacanze. E’ un incremento dell’ ansia che si verifica quando  si avvicinano il Natale o le vacanze estive, quando tutti partono. La sensazione è...

Leggi di più

Perchè questo senso di vuoto, solitudine e disperazione?

• 11 Luglio 2021

Psicologia della solitudine L’animo femminile è più dolorosamente ricettivo al sentimento della solitudine. È frequente per le donne sentirsi sole, come attraversate da un sentimento di esilio, di lontananza....

Leggi di più

Il lavoro mi sta esaurendo. Cosa posso fare?

• 20 Maggio 2020

Siamo da tempo entrati in una fase avanzata dell’organizzazione del lavoro in cui i gruppi di lavoro sono sottoposti a una pressione che a volte diventa insopportabile.  Lo smart...

Leggi di più

Fobia sociale. Ho paura a uscire di casa

• 14 Maggio 2020

La fase decrescente dell’epidemia crea problemi. C’è chi ha paura a uscire di casa. Molte persone si sono abituate a stare in casa e uscire non è più una...

Leggi di più

La solitudine positiva

• 11 Aprile 2020

*Una persona può trovarsi relegata in solitudine e non essere capace di stare sola. Allora soffre e soffre tanto. Ma esiste anche quella che chiamiamo solitudine positiva. Molte persone...

Leggi di più